Suor Fabrizia

HomepageParità uomo-donnaRoberta LanzinoBoldriniSuor FabriziaDario Fo e moglieClinton&TrumpITE "V.Cosentino"

 

"L'amore non ha gli occhi bendati.

L'amore ci vede bene."

 

 

 

suorfabrizia

 Giorno 15 ottobre 2016, gli alunni dell V b sia hanno sostenuto nella loro aula un incontro con Suor Fabrizia, laureata in ingegneria informatica.

Durante il dibattito Suor Fabrizia ha confessato che nella sua vita aveva tutto, un lavoro, degli amici, genitori e sorelle che ritrovava ogni sera tornando a casa, eppure sentiva che qualcosa non andava, non si sentiva nel posto giusto, così ha iniziato a farsi delle domande:

Fin quando le risposte arrivarono e il 12 settembre 2015 divenne suora.

Le sue parole sono state molto dolci e delicate ed ha affermato che solo aderendo al progetto che Dio ha per noi saremo felici.

"Arrivati a un certo punto della vita bisogna prendere decisioni, non stanno bene le cose a metà".

Ha raccontato che spesso si sente porre la seguente domanda: "Tu, come donna, ti senti realizzata?" e lei, sempre con il sorriso stampato sul volto, risponde: "Si, sono felice, sono sposata con Dio e ne vado fiera".

Nella vita bisogna decidere se sposarsi o seguire una vita religiosa; restare al centro, da soli, non porta felicità perchè nessuno si salva da solo.

Noi siamo come un puzzle, solo due pezzi combaciano perfettamente, perciò bisogna riconoscere l'amore non sceglierlo, ma soprattutto non bisogna scambiarlo con altro.

Oggi essere fidanzati è quasi una moda e non si ci pone mai la domanda: "Il mio ragazzo mi ama veramente?". L'uomo bisogna farlo aspettare, solo se metterà la propria donna al primo posto la amerà veramente.

L'amore è concreto, si misura con il sacrificio che bisogna essere fatto da entrambi i lati senza farsi sottomettere dall'altro.

Un'altra domanda che spesso le porgono è: "Non hai mai desiderato essere madre?".

Lei risponde: "La donna è fatta per avere figli, ma anche io sono madre. Per me la maternità è spirituale, mi sento madre degli alunni, dei bambini e dei ragazzi che vengono in parrocchia.

 

Durante l'incontro sono state poste a Suor Fabrizia delle domande dagli alunni e dal docente:

1- Andrea Tricò: "Trovare una suora che studia informatica è difficile, perchè l'informatica è una scienza e questo comporta delle incongruenze con la religione. Come fa ad essere suora e continuare ad insegnare informatica?"

Suor Fabrizia: "Gli atei non esistono, ognuno di noi deve necessariamente credere in qualcosa, anche in noi stessi, ognuno di noi ha bisogno di qualcosa che gli dia sicurezza. Quindi neanche gli scienziati sono in realtà atei."

2- Federica Bruno: "Come viene scandita la vostra vita?"

Suor Fabrizia: "Dipende dagli ordini:

3- Andrea Tricò: "Come capire la religione a cui credere?"

Suor Fabrizia: "Bisogna informarsi sulla religione in cui credere. La nostra è una religione che si basa su un Dio vero, se lui non esistesse io non avrei lasciato tutta la mia vita per una figura o un libro.

4- Prof. Tommaso Cariati: "Come avete detto prima, chi si sposa ha una vocazione, il richiamo di una persona verso l'altra. Alla luce di ciò, quale modo possiamo trovare per evitare il ripetersi della violenza sulle donne?"

Suor Fabrizia: "Se in una relazione non ci sentiamo sereni, liberi di poter esprimerci per come siamo, non è una relazione d'amore, somiglierebbe più ad un ricatto, ma non amore. L'amore non ha gli occhi bendati, l'amore ci vede bene. Il cuore di un uomo è un abbisso, per scoprirlo tutto ci vuole tempo."

 

cosentino
Realizzato da:                          Supervisionato da:
Stefania Ferrisi                           Tommaso Cariati 
Alessandra Morrone